La máscara de la muerte amarilla

DIARIO DI UNA PESTE (O DUE) E DI UN’OPERA di Guillermo Vega Fischer

Direzione artistica e materiale audiovisivo di Pablo Archetti

Da anni cresceva in noi l’idea di un’opera sulla peste di Buenos Aires del 1871. Fu l’ultima e la più mortale di una sequenza di epidemie che si susseguirono in pochi anni. Fu preceduto da diversi casi di colera in tutto il paese (nel 1867 e nel 1869), ma la febbre gialla di quell’estate del 1871 produsse nella sola città 13.614 morti e in un paio di mesi. L’episodio ci sconvolse, e il ricordo di quella tragedia stampata in città divenne ineludibile: abitare a San Telmo, il quartiere dove ebbe inizio e che fu presto abbandonato, visitare il Parco dell’Ameghino, che nasconde nelle viscere il Cimitero Sud, saturo di corpi in pochi giorni e chiusi, e al cui centro oggi sorge il “Monumento ai Caduti della Febbre Gialla”, ovvero in visita alla grande necropoli de La Chacarita, inaugurata in quei fatidici giorni.

Più di un decennio dopo, circondati da libri di storia, saggi, romanzi, opere teatrali, video e musica sull’argomento, oltre a giornali e stampati di quel tempo raccolti in tutto questo tempo, ci rendiamo conto che centocinquanta anni di quel terribile episodio della nostra storia. Anniversario Non c’erano più scuse, era tempo di scrivere la drammaturgia, comporre la musica, immaginare i loro artisti e parlare con loro, filmare, fotografare, registrare, disegnare costumi… Eravamo immersi in quel processo quando il pianeta – non il nostro paese né la nostra città – hanno ceduto a una nuova epidemia. Il destino ha voluto per la nostra città la rotondità numerica di un secolo e mezzo, tra quella della febbre gialla e l’attuale pandemia di covid-19. La cottura lenta di un decennio di quell’idea aveva già un sapore stantio. Abbiamo vissuto la nostra piaga attuale. Il panico che leggiamo in quei porteños non ci era più estraneo e doveva entrare nell’opera.

Diario dell’atto di un’opera su una peste, nella reclusione di un’altra.

Dialogo tra i due eventi, cardine della storia, lontana e simile. Accumulo -come nel nostro tavolo di lavoro- di scritti, film, musica, opere, dipinti, fotografie.

Interviste a specialisti, storici, critici d’arte, musicologi, medici.

Testimonianza di un processo nato anni fa, ampliato in quarantena.

Link dell’opera in CCNC

Las ratas

SONORA TRAGEDIA

di Vinicius Soares e Guillermo Vega Fischer
Scenografia, scenografia, luci e costumi di Pablo Archetti

 

Una famiglia vive in un seminterrato, rinchiusa. Temono qualcosa a loro sconosciuto, un male che permea l’esterno, una piaga. La razionalità è andata perduta, c’è solo la memoria malinconica e la lotta per la sopravvivenza nei ghetti, nelle grotte, negli scantinati. Intrappolata e contaminata dalla genialità individualistica, la famiglia sopravvive di fronte alla triste realtà proveniente da un mondo devastato dalla prospettiva neoliberista: moriranno tutti insieme, o si combatteranno tra loro perché uno solo sopravviva. Povertà, fame, paura e caos si mescolano in modo dissonante quando la figura proveniente dall’esterno rende più evidenti i sentimenti più profondi di ciascuno.

 

 

El infierno musical de Alejandra Pizarnik

INSTALLAZIONE TEATRALE LIRICA

Installazione per opera di Guillermo Vega Fischer sul libro The Musical Hell della poetessa argentina Alejandra Pizarnik

 

Nella solitudine della stanza, tra libri, bambole e ossa, Alejandra dorme, fuma, prende pillole e scrive. Scrive contro la paura, contro il vento con gli artigli che gli si bloccano nel respiro. Sebbene scrivere non sia più sufficiente, cospirano l’uno contro l’altro. Dove la porta quella scrittura? Al nero, allo sterile, al frammentato.

Link dell´opera in CCNC

Critici: Noelia Pirsic  / Fanpage Alternativa Teatral

Questo lavoro ha il sostegno del Instituto Proteatro.

En la colonia penitenciaria

VIDEO OPERA TEATRO MUSICALE

Installazione realizzata insieme a Nacho Riveros
per l’opera di Guillermo Vega Fischer sulla storia di Franz Kafka

Entra nella macchina, esci dalla macchina,
essere nella macchina, girarci intorno, avvicinarti,
tutto ciò fa anche parte della macchina”.

— Deleuze e Guattari, Per una letteratura minore.

Critici: Noelia Pirsic – Diario La Nación / Blog de la obra / Fanpage Alternativa Teatral

Link dell´opera in CCNC

Questo lavoro ha il sostegno del Instituto Nacional del Teatro, Fondo Nacional de las Artes y Proteatro e ha partecipato alla festa CABA del Instituto Nacional del Teatro.

 

altre produzioni

 

Nanópera Sei drammi in musica (2018)

 

In collaborazione con Barbados, arti dello spettacolo e insieme al CCNC che partecipa alla produzione e alla messa in scena di sei micro opere contemporanee argentine del progetto intitolato Nanópera, Pablo Archetti ha partecipato con la direzione artistica e la produzione di costumi, scenografie, oggetti di scena e trucco.

Nanópera è nata nel 2017, come residenza della creazione ideata dalle Barbados, dalle arti dello spettacolo e dal teatro Machado, qui si trova. Otto scrittori emergenti e otto compositori sono stati selezionati da un bando pubblico, che sono stati riuniti casualmente in coppia e gli è stato proposto di creare opere di breve formato per una piccola stanza, rispondendo al concetto di “nano”. Delle otto coppie, sei hanno completato i loro lavori, che sono stati pubblicati in un libro con il sostegno dell’Istituto Nazionale di Teatro. La messa in scena ha il sostegno del National Institute of Music e della Williams Foundation. *La documentazione fotografica dell’opera è di Marita Marchetta

Chancho (2019)

 

Luci, costumi e scenografie 

regia di Mercedes Jacobo

Un uomo egocentrico rivede la sua vita. Privato di quasi tutto, si dispiega tra il suo sinistro passato sia da bambino che da adulto. In una lunga insonnia, ricorre ai suoi ricordi, ai suoi sogni e ai suoi incubi, ai suoi istinti di carnefice. Per sopravvivere al silenzio, ricorre alla sua voce frenetica nel tentativo di riempire lo spazio della vittima. Come un macellaio con la sua preda in un macello di maiali.

Pin It on Pinterest

Share This